Moules à la créme

Moules à la créme

Altro viaggio, altro giro di “assaggi dal mondo”! Grazie alla nostra amica  “Carolina va in città“, non solo sto scoprendo dei posti incantevoli (e bisogna che Carolina inizi ad organizzare un viaggetto anche per me e/o con me!!), ma sto scoprendo usi e costumi di tante altre cucine…

Oggi ci porta nella meravigliosa Normandia, più precisamente a Rouen, capoluogo dell’Haute Normandie, a due ore da Parigi,  famoso per esser stato teatro, nel 1431, del rogo di Giovanna D’Arco.

I consigli di Carolina: i luoghi da visitare non sono pochi ma con una buona mezza giornata si riescono a vedere tutte le attrazioni principali. In arrivo alla stazione di Rouen, la prima tappa obbligatoria è senz’altro il Musée des Beaux-Arts fondato nel 1801 da Napoleone Bonaparte e che ospita una buona collezione di opere impressioniste di pittori quali Monet, Renoir e Caravaggio, nonché delle collezioni temporanee. Occorre spostarsi verso il centro storico per ritrovarsi in uno scenario fiabesco; le caratteristiche case a graticcio sembrano catapultarci dentro alla fiaba de La bella e La bestia. Troveremo subito l’Abbatiale St. Ouen con le sue belle vetrate colorate, infine arriveremo alla Chiesa St. Maclau e all’Aitre-St. Maclau ovvero un antico cimitero parrocchiale creato durante la peste nera del 1348, oggi sede della Scuola Nazionale di Belle Arti. In una teca all’ingresso, si scorge un gatto nero mummificato, ritrovato precedentemente murato vivo come segno del demonio. Passeggiando per il centro noterete senz’altro l’imponente Palazzo di Giustizia ed il Gros Horologe che merita una visita anche all’interno. Da lì, a due passi, sarete giunti direttamente a Place du Vieux Marché; dove fu arsa viva Jeanne D’Arc ora sorge una chiesa a lei intitolata.

La cucina normanna è una cucina ricca che si basa su una scelta accurata di materie prime locali e genuine, e gode di un panorama gastronomico particolarmente succulento che spazia dalle meraviglie del pescato fino al sapori corposi dati dai due ingredienti principi della cucina normanna: il burro salato e i formaggi a pasta molle. Tutto ciò che è burro, panna, latte e formaggi va a comporre la maggior parte delle ricette che vengono apposta definite “à la normande“.

Una delle principali attività della costa normanna è la pesca, offrendo così tante e deliziose specialità di pesce normanno e molluschi. Tra i piatti della loro tradizione, quello che vado a riproporvi è questo delizioso “moules à la créme”, un piatto a base di cozze servito con una crema realizzata dalla riduzione del fondo di cottura dei molluschi e l’aggiunta di panna acida; generalmente servite con delle patatine fritte.

Moules à la créme
Moules à la créme

Ingredienti

(per 4 persone)

  • 1 Kg di cozze fresche
  • 30 gr di burro salato Lurpak®
  • 1 cipolla
  • 100 gr di panna acida
  • 1/2 bicchiere di vino bianco per sfumare
  • Prezzemolo
  • Timo
  • Alloro
  • Pepe

Procedimento

  1. Pulire le cozze, eliminare la barba e lavarle con acqua corrente.
  2. In un’ampia padella far appassire la cipolla ed il prezzemolo nel burro. Unire le cozze, coprire e lasciarle aprire; quindi sfumare con il vino e aggiungere gli altri odori.
  3. Lasciar andare su fiamma bassa e coperto per pochi minuti per far insaporire, dopodiché togliere i molluschi lasciando nella padella il fondo di cottura.
  4. Unire la panna al fondo di cottura e lasciar ridurre a fuoco alto.
  5. Unire le cozze alla crema appena pronta, mescolare bene, pepare ed impiattare.

Moules à la créme
Moules à la créme

Trovi questa mia ricetta anche qui.


Se provate una mia ricetta e pubblicate una foto su Instagram o altri social, ricordate di taggare  @delizieeconfidenze   #delizieeconfidenze : sarò felicissima di condividerlo a mia volta!

Per non perdere nessuna ricetta, iscriviti QUI per riceverle tramite email, metti il “mi piace” QUI e seguimi sulla mia pagina Facebook, e QUI sul mio profilo Instagram. Mi trovi anche su TwitterPinterest e Google+. Segui anche il mio canale Youtube e iscriviti.

Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato sulle novità: torvi il format nella home. E se hai un argomento da proporre, un approfondimento da chiedere, o per dire la tua su tematiche già esposte, ti aspetto QUI sul forum.

2 Commenti

  1. Cara Sabrina, non sono amante dei crostacei, ma per provare lo potrei fare, come queste alla crema.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.