Fettuccine di avena integrale con ragù di agnello

Ed eccolo qui anche Aprile, il mese della Santa Pasqua. E a questa festività è dedicata l’uscita odierna della nostra Rubrica Idea menù.

Tra i piatti tipici romani delle festività pasquali, ci sono le fettuccine all’uovo al ragù, e l’agnello panato o con le patate. Dalla tradizione all’innovazione, ecco nascere la mia proposta per il mio primo piatto pasqual: le fettuccine all’uovo con farina di avena al ragù di agnello.

Da diverso tempo ormai ho iniziato a prediligere farine alternative o più integrali alla classica farina raffinata per le mie preparazioni, in particolar modo la farina di avena, perfetta per la preparazione di biscotti o pasta fresca.

Dal sapore delicato e dal color nocciolato, la farina di avena (così come tutti i prodotti a base di avena) è ricca di amido e fibre, ma anche di vitamine e sali minerali. La farina si ricava dai semi della pianta, interi o decorticati, ed è indicata soprattutto per la preparazione di prodotti secchi da forno, mentre necessita di altre farine se la si vuol impiegare nella preparazione di lievitati.

Le fettuccine all’uovo con farina di avena si preparano in pochi minuti, e sono perfette per accogliere diversi condimenti come il ragù di agnello, un condimento ricco ma poco calorico. L’agnello ha una carne saporita e leggera, ricca di proteine e facilmente digeribili, ed è uno dei simboli più autentici di tutta la cucina regionale laziale.

Dall’unione dei due, nasce un primo piatto dai sapori tipici della Pasqua, una pasta piena di aromi e senza glutine, che assorbe bene il condimento e trattiene il sapore del ragù.

Fettuccine di avena integrale con ragù di agnello

Ingredienti per la pasta fresca all'avena

  • 100 gr di farina d’avena integrale
  • 150 gr di farina di riso
  • 50 gr di amido di riso
  • 3 uova di media grandezza
  • 8 gr di sale fino

Ingredienti per il ragù di abbacchio

  • 300 gr di polpa di agnello*
  • 500 gr di polpa di pomodoro
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1 carota
  • 1 spicchio di aglio
  • 1/2 bicchiere di vino bianco da tavola
  • 10 gr di sale fino
  • la punta di un cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
  • 2-3 foglie di alloro
  • origano q.b.
  • formaggio grattugiato per completare il piatto (facoltativo)

*Per preparare il ragù occorre della polpa ricavata dalla coscia o dalla spalla dell’agnello. In alternativa si possono utilizzare anche le costolette, ritagliando dei piccoli pezzi dalla parte più carnosa delle costolette, e utilizzarne anche l’osso per la cottura del ragù.

Per il mio ragù ho utiluzzato la carne di agnello ricavata dalle costolette, utilizzando anche la parte con l’osso.

Procedimento

  1. Preparare il ragù di agnello: eliminate dalla polpa di agnello il grasso in eccesso ed eventuali nervature, quindi ritagliare dei piccoli pezzi.
  2. In una casseruola far imbiondire lo spicchio d’aglio schiacciato nell’olio. Lasciar dorare l’aglio ed unire la carota precedentemente mondata e tagliata in piccoli pezzi, le foglie di alloro, e la carne di agnello (i piccoli pezzi di carne ed eventualmente la parte con l’osso). Lasciarla insaporire girando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.
  3. Fare rosolare per almeno 10 minuti la carne, unire i chiodi di garofano in polvere e l’origano, mescolare con cura e sfumare con il vino, sempre mescolando.
  4. Quando il vino sarà evaporato completamente, aggiungere la polpa di pomodoro. Aggiungere il sale e lasciar cuocere a fuoco basso, chiuso con un coperchio, e far cuocere il ragù per circa 40-45 minuti, e comunque fino a quando il sugo non si addensa.
  5. Preparare la pasta fresca di avena: disporre le farine a fontana sul piano lavoro (o in un capiente piatto), formare un buco al centro dove mettere le uova ed il sale.
  6. Lavorare inizialmente con una forchetta, sbattendo le uova al centro della fontana di farine, e pian piano portare la farina dall’esterno all’interno, lavorandola insieme alle uova.
  7. Quando l’impasto inizia a compattarsi, continuare a lavorarlo con le mani fino a quando non si ottiene un impasto liscio ed omogeneo.
  8. Coprire il panetto di pasta con un panno asciutto e pulito, e lasciarlo riposare per 20 minuti.
  9. Trascorso il tempo di riposo, con l’aiuto di un mattarello, stendere la pasta allo spessore desiderato, infarinando leggermente la superficie della pasta e del piano lavoro, in modo che non si attacchi.
  10. Una volta raggiunto lo spessore desiderato, lasciar riposare la sfoglia ulteriori 30 minuti.
  11. Terminata la mezz’ora di riposo, arrotolare la sfoglia su se stessa partendo dalle due estremità, creando così due rotoli che vanno a toccarsi al centro della sfoglia stessa.
  12. Tagliare con un coltello a lama liscia, in modo da ricavare le fettuccine dello spessore desiderato.
  13. Portare a boillore abbondante acqua salata alla quale aggiungere un cucchiaio di olio di oliva: così facendo si eviterà che la pasta si attacchi durante la cottura.
  14. Buttare la pasta in una sol volta al bollore dell’acqua, e lasciar cuocere le fettuccine per pochi minuti dalla ripresa del bollore dell’acqua, in media 3-5 minuti da quando la pasta torna a galla. I tempi di cottura della pasta fresca variano a seconda del formato di pasta, nonchè dello spessore della stessa. Per una perfetta cottura, è necessario assaggiare la pasta.
  15. Una volta raggiunta la giusta cottura, scolare le fettuccine e disporle in un piatto da portata capiente. Distribuire subito il condimento ben caldo sopra, e mantecare con cura.
  16. Spolverare con del formaggio grattugiato e servire ben calde.

Fettuccine di avena integrale con ragù di agnello

Scopriamo insieme il menù di Pasqua e Pasquetta al suo completo:

Rubrica Idea Menù
Rubrica Idea Menù

Antipasto Linda: Colombine di pasta sfoglia con patè al prosciutto cotto 
Primo da me: Fettuccine di avena con ragù di agnello
Secondo Carla: Arrosto di vitello farcito con carciofi e nocciole 
Dolce Laura: Crostata di Pasqua 
5° portata Paola: Finti coniglietti con fragole e panna 

 

Fettuccine di avena integrale con ragù di agnello

Articoli correlati:

Pizza sbattuta romana

Campana pasquale salata

Pastiera napoletana

Colomba veloce cocco e mirtilli rossi senza lievitazione e senza lattosio

Liquore all’uovo: la versione casalinga del famoso Vov

Cupcake con colomba all’arancia



Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se vuoi chiedermi un consiglio per personalizzare e rifare una mia ricetta, scrivimi qui. Poi però scatta una foto del piatto ricreato, e condividila sui tuoi profili social utilizzando il mio hashtag #delizieeconfidenze e taggandomi su IG utilizzando @delizieeconfidenze

Ti sono grata per il tuo supporto al mio lavoro!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter, e  Pinterest.

9 Commenti

  1. Pingback: Colombine di sfoglia con patè al prosciutto cotto - La mia famiglia ai fornelli

  2. Per me quest’anno sarà un giorno qualunque, non ho in casa niente di particolare (agnello o altro) per festeggiare questa giornata.Spesa in casa ne ho e cerco di uscire il meno possibile. Siamo solo in due e spero non sarà una giornata troppo triste. Festeggeremo la festa religiosa, come poteremo, seguendo in tv i riti di Papa Francesco ma in tavola, penso non ci sarà niente di caratteristico. Però la tua idea è un ottimo spunto da preparare anche in altri momenti, quando tutto questo sarà finito. Un abbraccio Sabry, a presto

    • Beh, si, ovvio che in questa situazione, ognuno preparerà quel che può con quello che ha. Quando ho preparato questo piatto per la Rubrica ho avuto modo di organizzarmi per tempo e trovare quello che mi serviva, ma come ogni ricetta, può essere uno spunto per un piatto simile ma non uguale, e magari lasciare l’originale per la prima occasione utile.
      Un abbraccio grande a te Terry!

  3. A parte la pasta di avena che non mancherò di provare mi invoglia il ragù d’agnello che spero di poter provare. Nella prossima lista di spesa è inserito l’agnello. Quest’anno sarà una Pasqua particolare ma vedremo di non tralasciare la tradizione!!!
    Un forte abbraccio

    • Io son stata fortunata perchè l’agnello è tra le carni che potrei consumere per il regime alimentare che dovrei seguire, e quindi, quando lo trovo lo prendo.
      Si, quest’anno la Pasqua la si vivrà in una chiave diversa, e si porterà in tavola quello che si potrà. Per la tradizione aspetteremo momenti migliori!
      Per la pasta provala perchè è davvero buona. Un pò difficile da lavorare, bisogna trovare il giusto equilibrio tra liquidi e farina perchè altrimenti tende a spezzarsi, ma una volta trovato, ripaga pienamente!
      Un abbraccio forte a te e la tua famiglia Laura cara!

  4. arbanelladibasilico

    Una meraviglia di pasta, complimenti Sabri! un bacio grande a presto 🙂

  5. Una pasta molto interessante! Bravissima!
    Un abbraccio ^_^

  6. Pingback: Pasta fatta in casa - Delizie & Confidenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.