Pinsa Romana con cuore di bue, cipolle di Tropea e alici

0

Come già sapete, la Pinsa Romana è un lievitato a metà strada tra una focaccia e la classica pizza.

Le caratteristiche che contraddistinguono la pinsa romana dagli altri due lievitati sono la forma ovale, le dimensioni inferiori, il mix di farine utilizzato (composto da farina di frumento, farina di riso e farina di soia), la lunga lievitazione dell’impasto ben idratato e, pertanto, una quantità di lievito inferiore.

Beh, non male direi!.

Pinsa Romana con cuore di bue, cipolle di Tropea e alici

Dopo la Pinsa con datterino giallo, basilico e “ricotta” vegetale, è la volta di una nuova Pinsa Romana, preparata sempre con ingredienti di stagione, dal gusto ricco e una spiccata sapidità.

E’ la Romana con cuore di bue, cipolle di Tropea e alici.

Il cuore di bue è un avarietà di pomodoro, dalle dimensioni abbondanti e dalla forma che ricorda un cuore. Considerato il re delle insalate, il cuore di bue ha polpa asciutta e consistente, pochi semi, poco succo, e sapore dolce, per niente acidulo.

La cipolla di Tropea, dal colore rosso-violaceo esternamente, e polpa bianca, sono ricche di sapore e proprietà extra-nutrizionali.

A donare alla Pinsa un sapidità unica, le aciughe sott’olio.

Insomma, un tripudio di bontà su una base croccante fuori e morbida all’interno, il tutto aromatizzato con timo e origano fresco, generosamente fornito dal mio orto in vasconi.

Per realizzare questa pinsa, ho seguito le stesse procedure dell’altra: sono i consigli dello Chef Marco Montuori riportati sulla confezione delle farine. Anche questa volta però, rispetto alle indicazioni riportate sulla confezione della farina, ho aumentato la percentuale d’acqua portandola dal 75% all’ 80% totale rispetto al peso della farina utilizzata.

Mix di farine per Pinsa Romana

Anche questa volta, per preparare la Pinsa Romana in casa, mi sono affidata alla qualità del mix di farina per Pinsa Romana Pinsa For You.

Per gli amici di D&C amanti della Pinsa Romana, Pinsa For You ha riservato uno sconto del 5% sull’acquisto dei prodotti effettuato dallo shop on line, utilizzando il codice sconto delizieeconfidenze5

Per sapere di più sulla farina Pinsa Romana PInsa For You, ti invito a leggere questo articolo, dove troverai anche qualche curiosità sulla storia della pinsa.

Pinsa Romana con cuore di bue, cipolle di Tropea e alici

Recipe by Sabrina PignataroCourse: Pinsa RomanaCuisine: Lievitati e PanificazioneDifficulty: Media
Servings

4

servings
Prep time

25

hours 
Cooking time

10

minutes

Una Pinsa Romana preparata con ingredienti di stagione, dal gusto ricco e una spiccata sapidità.

Ingredients

  • Ingredienti per la Pinsa Romana
  • 500 gr di farina Pinsa Romana Pinsa For You

  • 400 ml di acqua fredda

  • 07 gr di lievito di birra fresco

  • 40 ml di olio extra vergine di oliva

  • 10 gr di sale fino

  • Per la lavorazione
  • Spolvero di Riso Pinsa For You q.b.

  • Ingredienti per farcire
  • 3 pomodori cuore di bue grandi

  • 2 cipolle di tropea

  • Alici sott’olio q.b.

  • origano fresco

  • timo fresco

  • olio extra vergine di oliva q.b.

  • sale

  • Con questi quantitativi ho realizzato 3 Pinse da 200 gr cad. circa e 1 Pinsa da 150 gr

Directions

  • Ho lavorato l’impasto con la planetaria, con gancio a foglia, a media velocità. L’impasto può esser lavorato anche a mano seguendo sempre gli step di lavorazione riportati di seguito.
  • In due cucchiai di acqua sciogliere il lievito di birra fresco.
  • Versare il mix Pinsa Romana nella ciotola della planetaria, e mescolare con il lievito sciolto.
  • Versare 300 ml di acqua* prelevati dal totale indicato in ricetta, e impastare fino a far amalgamare gli ingredienti.
    *(corrispondente al 60% del peso della farina)
  • Versare poca alla volta un ulteriore 50 ml di acqua*, prelevata sempre dal totale indicato.
    Lasciar assorbire l’acqua sempre impastando a velocità media.
    *(corrispondente al 10% del peso della farina)
  • Lasciar riposare l’impasto per 5 minuti, trascorsi i quali, unire il sale e l’olio extra vergine di oliva, e impastare fino al loro completo assorbimento.
  • Aggiungere i restanti 50 ml di acqua* e impastare per farla assorbire tutta.
    L’impasto ora risulterà molto appiccicoso e difficile da lavorare.
    *(corrispondenti al 10% del totale della farina, per una percentuale di acqua totale dell’80% rispetto al peso totale della farina utilizzata)
  • Lasciar riposare l’impasto per 15 minuti, quindi impastare nuovamente fino ad ottenere un impasto liscio.
  • Lievitazione
  • Trasferire l’impasto in un contenitore capiente, chiudere con della pellicola alimentare, e lasciar lievitare a temperatura ambiente, al riparo da correnti d’aria, per 2 ore.
  • Trascorse le due ore, l’impasto risulta già lievitato. Senza togliere la pellicola alimentare, trasferire il contenitore nel frigorifero, sul ripiano più basso, e lasciar riposare l’impasto per 24 ore.
  • Dividere l’impasto
  • Trascorse le 24 ore, togliere dal frigorifero l’impasto e lasciar che si stemperi a temperatura ambiente per circa 30-40 minuti, sempre al riparo da correnti d’aria.
  • Trasferire ora l’impasto sul piano lavoro spolverato con lo Spolvero di Riso.
    Tagliare l’impasto e formare delle pagnottine da 250 gr cad. per una Pinsa classica, oppure 150 gr cad. per una Pinsa più piccola ideale per bambini.
  • Lasciar raddoppiare le pagnottine, ci vorrà circa 1 ora.
  • Stesura e cottura delle Pinse
  • Lavorando sempre sul piano lavoro spolverato con lo Spolvero di Riso, stendere una pagnottina alla volta, dando la classica forma ovale della Pinsa.
  • Adagiare le pinse direttamente sulla placca o, meglio, sulla pietra refrattaria, senza ungere la base.
  • Procedere alla farcitura della pinsa disponendo sopra le fette di pomodoro precedentemente lavato e ben asciugato, e creando un gioco di colori con le cipolle anch’esse precedentemente mondate, lavate ed asciugate, e tagliate a fette non troppo sottili.
  • Io ho disposto le alici arrotolate al centro di ogni fetta di pomodoro, praticando un buco nella fetta della verdura fatta con un coltello o con un apposito utensile.
  • Salare le verdure, spolverare con origano e timo, e distribuire un giro di olio extra vergine di oliva.
  • Cuocere in forno già caldo, al massimo della potenza, fino a quando i bordi e la base non risultano ben dorati.
  • Il mio forno dispone di programma “pizza” ed arriva ad una temperatura di 250°C, pertanto, sono stati sufficienti 7-8 minuti per cuocere ogni Pinsa.
  • Una volta cotte, sfornare le Pinse e servire calde.

Per approfondimenti sulla Pinsa Romana, ti invito a leggere questo articolo.


Articoli corrleati:


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.