Bucce di patate fritte

Bucce di patate fritte

Le bucce di patate fritte sono un’idea sfiziosa pe runo snack ricco di gusto e croccante, o un secondo facile, saporito e zero waste.

Utilizzare le bucce delle patate per friggerle è un modo sfzioso per eliminare gli sprechi in cucina, un’idea gustosa per riciclare quello che comunemente viene gettato negli scarti alimentari.

Si avrà così un piatto altrettanto gustoso come le classiche patatine fritte, da poter arricchire con spezie e salse varie.

Così facendo non solo faremo felice i nostri palati, ma anche il nostro organismo perchè le bucce di patate sono ricche di nutrienti, e non solo: anche il nostro Pianeta ringrazia!

Per via della cottura però, meglio limitarne il consumo. A tal proposito, una cottura in forno può diventare un’ottima soluzione se effettuata con pochissimo olio o, ancor meglio, una frittura con la friggitrice ad aria.

Abbasso gli sprechi, salviamo il pianeta.

In più occasioni ho avuto modo di parlarvi e soffermarmi sull’importanza di adottare uno stile di vita green; questo non vuol dire stravolgere completamente il proprio modo di vivere, ma ricorrere a delle piccole e attente azioni che (se rispettate da tutti) riescono a fare una grossa differenza per migliorare e salvare le condizioni del nostro pianeta.

Anche in cucina possiamo fare la differenza. Si sente spesso parlare di cucina ecosostenibile, di zero waste, di ricette anti-spreco, piatti di recupero.

In cucina, infatti, quasi tutto quello che viene considerato uno scarto è in realtà una preziosa risorsa per nuovi piatti. Tante le tecniche per dar nuova vita agli scarti o agli avanzi.

Oggi questo tema sta a cuore a molti, e sta attirando maggiormente la nostra attenzione la consapevolezza che lo spreco di cibo è considerato tra le cause principali dei danni ambientali.

Ecco dunque che riutilizzare scarti e/o avanzi non solo ci permette di sprigionare la nostra creatività in cucina, ma anche di produrre meno spazzatura per un minor impatto ambientale e dare una mano concreta al nostro pianeta e al nostro portafogli.

Come evitare che il nostro cibo finisca nella spazzatutra?

Seguendo dei piccoli accorgimenti che ognuno di noi può mettere in atto per evitare di produrre un eccesso di rifiuti alimentari. Te lo spiego meglio in questo articolo.

Insieme alle mie amiche e colleghe foodblogger della Rubrica Al km 0 abbiamo raccolto le nostre idee di cucina del riciclo già in passato (vedi questo articolo) e torniamo oggi con nuove proposte, le nostre migliori proposte per dei piatti appetitosi, sfiziosi, antispreco ed economici.

Bucce di patate fritte e speziate

Ecco dunque che invece di finire nella pattumiera, le buccie delle mie patate finiscono dritte dritte in padella cn abbondante olio per esser servite croccanti, dorate e sfiziose!

Lo sapevi che molti dei nutrienti delle patate sono racchiusi proprio nelle loro bucce? E allora perchè buttarle via?

Friggerle è uno dei metodi più sfizioso per recuperarle e gustarle, ed è anche una ricetta semplicissima e veloce da prepaarare. Inoltre si possono “personalizzare” nel gusto aggiungendo erbe e spezie che più si preferisce e servirle con le salse che più ci piacciono.

Bisogna però lavarle e spazzolarle accuratamente, quindi asciugarle bene e tagliarle quanto più regolari possibile.

Se si vogliono aromatizzare, preparare in una ciotolina un mix di erbe aromatiche tagliate finissime come timo e rosmarino, aggiungere della paprika (dolce o piccante), del pepe macinato al momento, e del Parmigiano Reggiano grattugiato come in questo caso.

Ma si possono creare dei mix aromatici che si preferiscono utilizzando sprezie ed erbe aromatiche o semini vari.

Poi si tuffano in padella in abbondante olio caldo e si lasciano dorare. Non resta che gustarle ora!

Bucce di patate fritte

5 from 1 vote
Recipe by Sabrina Pignataro Course: Snack, Secondi piatti, Fritti, AntipastiCuisine: cucina del riuso, zero wasteDifficulty: facile
Servings

4

servings
Prep time

5

minutes
Cooking time

5

minutes
Total time

10

minutes

Le bucce di patate fritte sono un’idea sfiziosa pe runo snack ricco di gusto e croccante, o un secondo facile, saporito e zero waste.
Utilizzare le bucce delle patate per friggerle è un modo sfzioso per eliminare gli sprechi in cucina, un’idea gustosa per riciclare quello che comunemente viene gettato negli scarti alimentari.
Si avrà così un piatto altrettanto gustoso come le classiche patatine fritte, da poter arricchire con spezie e salse varie.

Ingredients

  • q.b. bucce di patate
    (in media considero 1 patata di media grandezza a persona)

  • q.b. olio di semi di arachide

  • q.b. sale

  • Per il condimento (facoltativo)
  • 1 cucchiaino paprika piccante

  • 1 cucchiaino olio di semi

  • q.b. pepe nero da macinare al momento

  • q.b. rosmarino

  • q.b. timo

  • q.b. Parmigiano Reggiano (36 mesi) grattugiato

  • Per accompagnare (facoltativo)
  • q.b. salsa bbq

Directions

  • Lavare, spazzolare ed asciugare bene le patate ancora intere.
    Pelare le patate e recuperare le bucce cercando di ritagliare dei pezzi lunghi e regolari.
  • In una padella versare l’olio di arachide e portarlo a temperatura.
  • Mentre l’olio si saclda, in una ciotolina prepariamo il mix aromatico con il rosmarino ed il timo tagliati finissimi, la paprika in polvere, il formaggio grattugiato ed il pepe.
    Unire il cucchiano di olio e mescolare bene.
  • Passare le bucce di patate nel mix aromatico, quindi tuffarle nell’olio ben caldo.
  • Friggere poche buccie per volta per evitare di abbassare la temperatura dell’olio.
  • Lasciar dorare bene le bucce di patate, quindi estrarle con una schiumarola ed adagiarle su un piatto con carta da cucina per eliminare l’olio in eccesso.
  • Servire le bucce di patate ancora calde spolverandole con altro formaggio grattugiato, aggiustando di sale e accompagnare con la salsa bbq.

Notes

  • Le bucce di patate fritte si possono preparare anche nella versione più dolce cospargendole con del miele dopo averle fritte.
  • Se si preferisce un sapore più deciso, dopo averle fritte spolverarle nuovamente con il mix aromatico preparato per insaporirle prima della frittura, ma senza l’aggiunta di olio.
  • Per una versione più irlandese, (stile “fish and chips”) servire le bucce di patate fritte con una spolverata di sale e prezzemolo fresco e bagnandole con dell’aceto. Bevande abbinate: un boccale di latte (per noi vegetale)!

Scopriamo insieme le altre proposte del menù odierno:

Carla: Polpette di melanzane con salsa piccante
Laura: Vellutata di Finocchi
Simona: Polpettine vegetariane di ceci, porri e cardi

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e su Pinterest

Potrebbero interessarti anche:


Se ti piacciono le mie ricette ed i miei articoli, seguimi anche su Instagram per restare sempre aggiornato.

Se hai domande, se vuoi chiedermi un consiglio su questa o altre ricette, se hai delle curiosità su come sostituire i latticini nella tua preparazione, scrivimi utilizzando il modulo che trovi qui.

Hai provato questa ricetta?
Menziona @delizieeconfidenze e tag #delizieeconfidenze.

Se ti è piaciuta questa ricetta, lascia una recensione positiva, significa molto per me!

Grazie per il tuo sostegno!

Segui la mia pagina Facebook , Twitter,  Pinterest.
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments
Daniela
4 mesi fa

E adesso come faccio a non provarle? :))

carla emilia
carla emilia
4 mesi fa

Sono senza parole Sabri! davvero una meraviglia, grazie per il suggerimento 🙂

Profumo di Sicilia
4 mesi fa

Non posso resistere a questa ricetta… io adoro le patatine fritte ma non ho mai pensato alle bucce!!! Grandiosa A presto La

Simona
4 mesi fa

Trovando le patate biologiche (e si trovano senza problemi) questo frittino è irresistibile, poi le vitamine sono tutte lì nella buccia, l’aggiunta del parmigiano è un’idea bellissima 😋

saltandoinpadella
4 mesi fa

sai che io sono sensibile al problema del riciclo, cerco di non buttare mai via nulla. E questa mi sembra un’ottima idea, molto sfiziosa. Il problema è che qua se cominci non smetti più di sgranocchiarle. Moooooolto pericolose 😉